Marantelli: "Quadrifoglio inadeguato per la nuova tangenziale. Un appello al governo"

  • Stampa

C'è un primo lotto di tangenziale, ma non è ancora stato adeguato lo svincolo "a quadrifoglio" in uscita dall'Autolaghi A8 a Gazzada Schianno, che dunque si trova nel mezzo di due grandi arterie a doppia carreggiata senza avere il calibro pienamente sufficiente ad accogliere il traffico.

 

Da qui una interrogazione presentata al ministro dei Trasporti dal deputato varesino del PD Daniele Marantelli. "Con l'apertura al traffico del primo lotto della tangenziale di Varese (A60) - scrive Marantelli - tale svincolo si rende necessario per le funzioni di interconnessione con l'autostrada A8, soprattutto per la direttrice verso sud (Milano) e per favorire lo smaltimento dei rilevanti flussi di traffico presenti in quell'area". L'iter del nuovo progetto dello svincolo "è stato avviato il 20 giugno 2012, la Regione - ricorda il deputato varesino - ha espresso il proprio parere favorevole il 19 settembre 2012, la conferenza di servizi ha avuto luogo presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti il 27 settembre 2012, mentre la Commissione Valutazione impatto ambientale del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio ha espresso il proprio formale parere favorevole". "In attesa del completamento dell'istruttoria da parte del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e della successiva approvazione da parte del Cipe, il mancato adeguamento dello svincolo - sottolinea l'interrogazione - sta ingenerando lunghe code e situazioni di pericolo per la circolazione stradale".

Dice ancora Marantelli nel suo "appello a Roma": "L'apertura al traffico dell'intero sistema viabilistico pedemontano è fissato per il mese di luglio 2021, il 24 gennaio 2015 è entrato in esercizio il primo lotto della tangenziale di Varese e il 26 gennaio 2015 la tratta A che unisce l'autostrada A8 Milano-Varese (nel comune di Cassano Magnago) allo svincolo con l'A9 Milano-Como, all'altezza di Lomazzo". "Il Cipe - continua - in sede di valutazione del progetto ha rinviato l'approvazione definitiva dell'autostrada Pedemontana, disponendo una variante progettuale per lo svincolo autostradale di Gazzada-Schianno". Si attende ora la risposta del ministro dei Trasporti. "Credo - dice il deputato PD - che ormai occorre guardare al futuro. Il primo lotto della tangenziale c'è, il secondo lotto la dovrà portare fino al confine del Gaggiolo. A questo punto lo svincolo di collegamento potenziato con l'Autolaghi diventa una necessità. Lasciato così rappresenta un problema per il traffico, sia in entrata che in uscita dall'autostrada A8. Occorre dunque che il progetto di ampliamento venga realizzato in tempi brevi, prima che tutto il nuovo sistema di collegamento autostradale sia in piena funzione". Il progetto in questione prevede una sorta di raddoppio del "quadrifoglio" in modo da favorire la connessione tra le due autostrade A8 e A60 senza che ciò rappresenti un fattore di rallentamento per il traffico.

da R.V., Il Giorno, 24 maggio 2015